Gassa d’amante

foto1

Tecnica : Supporto digitale Canon 5d – Tempo di posa : 1/15 – Apertura diaframma : f 4.0 – Ottica : 24-70 f 2.8

 

La malattia rese il corpo di mia madre imperfettamente bello, contemporaneamente costruì un’altra se ed un’altra me.
Venimmo svuotate, riempite e ricucite.
Lei della malattia, io di emozioni.

Gli insegnamenti di mio padre fecero si che la macchina fotografica divenne il prolungamento del mio stato d’animo e quello che avevo visto mi portò a considerare il corpo nudo come massimo elemento d ‘ispirazione.

La foto ritrae un corpo nudo mancante del seno sinistro il quale rispetta la realtà della malattia, è in movimento e svanisce nel muro scrostato ed è delimitato da mobili abbandonati alla polvere del passato .
Un fascio di luce illumina il corpo creando ombre che nascondono in parte le nudità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.