Street Art a Roma

Chi lo ha detto che Roma è solo degrado? La città di Roma da tempo è venuta alla ribalta per il suo impegno nel fornire una visione della città piu moderna in politiche culturali. Questo e avvenuto tramite un interesse verso campi artistici una volta ritenuti illegali come quelli del writing.terzo artIn quest’ottica ha quindi ideato degli spazi “legali ” e istituzionali” individuati da cittadini, istituzioni e associazioni, che vengono messi a disposizione dal comune a coloro che vogliano esercitare la propria arte.  L’azione dei muri legali, intrecciata con altre azioni di riqualificazione e di arte pubblica, deve essere ragionata su tempistiche di 4/5 anni per avere dei riscontri in termini di decoro. Ogni muro seguira nell’arco degli anni un avvicendarsi di opere ed esperienze facendo cosi in modo di far entrare nuove leve a contatto con le generazioni passate. La politica dei muri legali è necessariamente legata alla situazione sociologica di un determinato contesto urbano, in questo caso di  una metropoli come Roma.  I muri destinati agli artisti saranno di due tipologie quelli liberi che non necessitano di nessuna autorizzazione  e gli Hall of Fame, il cui accesso è vincolato da un permesso specifico rilasciato da Roma Capitale. Il muro verrà affidato previa autorizzazione specifica ad un writer per un periodo non superiore ai 90 giorni. Verrà rilasciato poi  un permesso firmato che indicherà la località del muro, le date di inizio e di fine della validità del suddetto permesso. Ogni utente avrà la responsabilità di mantenere in buone condizioni l’area del muro assegnatogli. Basta recarsi a valle aurelia nel sottopassaggio pino volpino-terzo articoloattiguo alla metropolitana, oppure alla stazione metropolitana di rebibbia per vedere le varie opere..ma sbrigatevi che domani potrebbero già cambiare.
Oltre a progetti propriamente istituzionali, negli ultimi anni, la Capitale è stata letteralmente invasa dalle opere di street artist italiani e internazionali che stanno cambiando il volto di interi quartieri della città. Basta fare un giro per il quartiere del Pigneto, del Quadraro – A questi si aggiungono la miriade di progetti di riqualificazione dei quartieri come a San Basilio, al Trullo, o a Primavalle. La nostra uscita di gruppo nel quartiere di Ostiense ci e stata di esempio.

  • blu - terzo articolo
  • foto da allegare 3 articolo (4)
  • foto da allegare 3 articolo (2)

La nostra città non quindi ha nulla da invidiare alle altre metropoli  europee, sicuramente siamo agli inizi ma è anche vero che  ci stiamo imponendo rapidamente su tale circuiti internazionali.
Cittadini privati, enti pubblici, associazioni, progetti o realtà che producono cultura indipendente. hanno quindi commissionato e creato eventi come SanBa, M.U.R.O ha commissionato opere di Sten Lex, Momo, Borondo, Agostino Iacurci, Herbert Baglione, Kid Acne, JB Rock , Solo , Gomez , Zero calcare e tanti altri .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.