Workshop: Luci e colori in natura

CON ANTONINO SCORDO 5-6 dicembre 2015

Parco Nazionale D’Abruzzo

Clicca qui per vedere la galleria

Due giorni intensi quelli passati in compagnia di ottime persone! Due giorni immersi nella natura con i soci di PentaExperience (me compreso).

L’evento prometteva già bene. Ottime le condizioni meteo. Un sole intenso qualche nuvola all’orizzonte ma nulla di preoccupante. La neve era presente nella giusta quantità. Che ci ha permesso così di muoverci senza problemi e soprattutto ci ha regalato dei paesaggi spettacolari, con qualche lama di neve qua e la.

Abbiamo così iniziato la nostra avventura alla “PentaExperience” a Val Fondillo. Lasciati i bagagli all’Albergo I Quattro Camosci di Civitella Alfedena (Parco Nazionale d’Abruzzo) e preso il nostro prezioso pranzo al sacco ci siamo diretti verso questa meravigliosa valle. Dopo il pranzo ci siamo incamminati sul sentiero per raggiungere il fiume.

Li abbiamo iniziato la nostra “caccia” fotografica immersi in una natura incontaminata. Obiettivo principale era “divertirsi”. Divertirsi con i colori, con le sfumature del sole che attraversa i monti e gli alberi, divertirsi con lo scorrere infinito dell’acqua che ci regala effetti seta senza paragoni. Colori unici nel suo genere che hanno subito rapito tutti i partecipanti del workshop, me compreso.

La particolare conformazione del luogo ci ha permesso di fotografare le diverse situazioni di luce che, in poche ore, cambiava radicalmente permettendoci di creare composizioni uniche nel loro genere con delle sottoesposizioni suggestive.

VAL FONDILLO sole fa capolino in cima

VAL FONDILLO sole fa capolino in cima

Successivamente ci siamo recati in albergo per poi prepararci alla notturna. Il sole una volta tramontato ha subito fatto spazio alle stelle e ci ha dato la possibilità di immortalare la Via Lattea. Proprio così. Anche se a dicembre la via lattea solitamente è molto poco visibile (l’ideale sono i mesi estivi), subito dopo il tramonto abbiamo avuto qualche chance in più. Dopo qualche scatto al lago di Villetta Barrea, con allo sfondo il paese ed il suo riflesso sull’ acqua, ci siamo diretti verso Val Fondillo per una seconda andata, questa volta però di notte.

VAL FONDILLO notte di sogni

VAL FONDILLO notte di sogni

Li ci siamo sbizzarriti creando le più svariate composizioni tra paesaggio e stelle. La luce quasi assente ci ha permesso di fotografare la via lattea e quella del sole (che anche se tramontato ancora irradiava il cielo, visibile solo dalla macchina fotografica) ci ha permesso di giocare con colori diversi per paesaggi surreali, come in un sogno.

Tornato l’appetito ci siamo diretti nuovamente in albergo dove ci attendeva una cena tipica abruzzese con piatti squisiti!

Civitella Alfedena è un piccolo borgo di 316 abitanti, costruito nel pieno rispetto della bellezza naturale. Una cosa che ho notato con molto piacere sono le illuminazioni artificiali, interamente a led caldo e di intensità molto più bassa che in qualsiasi altra città o paese. Come per non disturbare la quiete visiva del posto. Li si possono ammirare il museo del lupo e varie passeggiate per vedere la lince e i lupi.

I cervi sono i padroni di casa e l’orso bruno Marsicano il re indiscusso di quel luogo.

Dopo cena ci siamo diretti, proprio dietro l’albergo, a visitare il presepe di cartapesta a grandezza naturale, con voci registrate dei dialoghi tipici dei lavoratori abruzzesi. Uno spettacolo che non si vede tutti i giorni. Grande cura dei dettagli e ricreazione dell’atmosfera magica di un luogo semplice e vero.

Dopo il presepe non poteva mancare un drink in albergo davanti al camino tra chiacchiere e racconti vari della giornata passata insieme.

Ma la notte si stava accorciando e dovevamo riposare per riprendere il cammino il giorno dopo. Alle ore 6.00 siamo ripartiti verso il Lago di Villetta Barrea per assistere all’alba di un nuovo intenso giorno!

VAL FONDILLO sfumature arancio notte

VAL FONDILLO sfumature arancio notte

La nebbia ha dato vita ad uno spettacolo particolare. Sembrava ancora buio ma d’improvviso la luce potente del sole che sorgeva e la nebbia che ancora nascondeva il paesaggio. Ma pian piano iniziava a svelarci la natura. Toccando con piccole sfumature di luce ogni elemento naturale. Dall’acqua agli alberi, al fango di un lago prosciugato dalle dighe in alta montagna che regalava insenature di piccoli torrenti che scorrevano verso est. Una fitta boscaglia inclinata verso lo scorrere del fiume stava ad indicarci che d’estate, quando il lago è in alta marea, il livello dell’acqua raggiunge un altezza molto più ampia di quello che ci si può aspettare. E così presi dalla magia del momento abbiamo fotografato come se fosse l’ultima, cercando di prendere ogni singolo elemento più volte per osservarlo da più angolazioni e con luci diverse.

LAGO DI VILLETTA BARREA alberi all'alba

LAGO DI VILLETTA BARREA alberi all’alba

Terminata la sessione mattutina ci siamo diretti in albergo per la colazione e preparati i bagagli in macchina ci siamo diretti verso La Camosciara! Nominata così per la presenza di una popolazione di Camosci non indifferente. Purtroppo non sono sempre osservabili. Quì bisogna avere fortuna.

Dopo un cammino di circa 3 km, dove ogni 20 metri venivamo rapiti dal cambiamento continuo dell’ambiente che ci offriva spunti fotografici in continuazione, siamo arrivati ai piedi della catena montuosa. Li un piccolo rifugio ed il sole che faceva capolino dalle montagne ci ha permesso di raccontare qualcosa di più con la fotografia. Un ultimo sentiero e circa 15 minuti dopo siamo giunti alle Cascate delle Ninfe e delle Tre Cannelle.

VAL FONDILLO effetto seta dell’acqua tra autunno e inverno

VAL FONDILLO effetto seta dell’acqua tra autunno e inverno

Li ci siamo dilettati con l’acqua ed il suo effetto seta continuo ed inarrestabile. Dopo una piccola sosta al rifugio ci siamo diretti in albergo per l’ultimo pranzo insieme. Qualche racconto del week end passato insieme, foto di gruppo e poi il ritorno.

Che dire! Io personalmente ringrazio PentaExperience ed il suo presidente Riccardo Riccardi per avermi concesso la possibilità di organizzare questa uscita fotografica. Ringrazio i partecipanti, grandi e piccini per avermi dato la possibilità di trasmettere le mie conoscenze e di apprendere anche io dalle loro.

Un esperienza positiva a tutto tondo che sarà sicuramente ripetuta in quei luoghi magici con l’aggiunta di nuove sfumature. Il 2016 sta per iniziare.

Buona luce a tutti e grazie di cuore!

Clicca qui per vedere la galleria

Antonino Scordo

Previous post:
Next Post:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.